Siete qui: Home > News & Eventi > Archivio News & Eventi > News & Eventi 2013 > La Green Hybrid Cup sbarca in Italia (Mugello) e in Polonia (Poznan)

 

La Green Hybrid Cup sbarca in Italia (Mugello) e in Polonia (Poznan).

Domenica 14 luglio il campionato Green Hybrid Cup, riservato alle Venga con alimentazione ibrida a GPL, torna finalmente in Italia con il doppio appuntamento al Mugello.  Da 3 anni, ormai, la corsa automobilistica, organizzata dal BRC racing team, promuove l’attività di Operation Smile nello Stivale e in tutti i circuiti della competizione. Partner privilegiato di questo speciale connubio è Jimmy Ghione che porta il logo della Fondazione sia sulla vettura che sulla divisa.

Già alla vigilia della gara, le premesse sono buone, grazie al rientro in pista di Alberto Viberti e alla voglia di riscatto dello stesso Ghione, campione in carica, reduce da un brutto passo falso in Germania.

L’inviato di Striscia la Notizia non si smentisce e, nelle prove ufficiali del sabato, conquista la pole position proprio davanti al piemontese Viberti e alla giovane leader della classifica generale Alessandra Brena.

Alle ore 9.00 di domenica si spengono i semafori rossi e Viberti, autore di una bella partenza, va subito al comando, davanti a Jimmy Ghione e Fontanella. Quest’ultimo, però, è presto costretto a cedere ad Alessandra Brena che, già al secondo giro, si porta in terza posizione. La gara termina in quest’ordine con il Piemontese Viberti che riassapora, finalmente, il piacere della vittoria. (Foto podio).

jimmi_ghione1ok.jpg

Nel primo fine settimana di agosto (3 e 4), invece, la Green Hybrid Cup sbarcherà a Poznan, in Polonia. Alla vigilia dell’evento, la diciassettenne Alessandra Brena continua a guidare provvisoriamente la classifica generale con soli otto punti di vantaggio sul Campione in carica Jimmy Ghione.

Nella foto l’inviato di Striscia la Notizia Gimmy Ghione, testimonial di Operation Smile Italia Onlus, al volante della sua Venga sulla quale è visibile il logo della Fondazione.

jimmi_ghione2ok.jpg


“Ogni bambino con una malformazione al volto è una nostra responsabilità. Se non ci prendiamo cura di lui, non c’è garanzia che qualcuno lo farà.”

- Kathy Magee, Co –Fondatrice e Presidente di Operation Smile