Siete qui: Home > STORIE > Notizie dal Campo > Dettaglio

 

Un incubo che è durato troppo tempo



A soli nove anni, il cuore di Efren aveva già tante ferite. Quotidianamente veniva picchiato dai suoi compagni di classe: era nato con una malformazione al volto. 


Un incubo che è durato per troppo tempo.

Da un anno, però, la sua vita è cambiata. A Cebu, nelle Filippine è stato operato al labbro e il suo volto è diverso. Ora è felice, meno aggressivo e ha dei nuovi amici a scuola.

“Se non ci fossero stati i medici di Operation Smile – ha detto il papà – la vita di Efren sarebbe stata segnata dall’aggressività e dalla violenza”.

A giugno Efren è tornato all’ospedale di Cebu, insieme alla sua famiglia, per poter essere sottoposto ad un nuovo intervento chirurgico, questa volta al palato. La speranza era quella di mettere la parola “fine” alle sue sofferenze e alle cure necessarie per chi, come lui, è nato con una labiopalatoschisi.

 “Non smette di guardarsi allo specchio, gli piace andare a scuola e non si azzuffa più con chi lo prende in giro” – ha riferito la mamma durante i colloqui con i medici – “Con l’intervento al palato diventerà un bambino come gli altri e potrà essere capito quando parla”.

Efren, infatti, ha ancora molte difficoltà nell’esprimersi, a causa della grande spaccatura che ha nel palato. Senza l’aiuto di Operation Smile e dei nostri sostenitori, i genitori di Efren non avrebbero mai potuto far curare il figlio, tantomeno sostenere le spese per due diversi interventi chirurgici.

Il papà è un pescatore e deve procurarsi il denaro per sfamare 9 figli.
Dopo il tifone Yolanda che, nel 2013, ha distrutto la loro casa, l’intera famiglia vive in un ricovero di fortuna e il fratello maggiore ha abbandonato gli studi per aiutare il padre.
Per Efren i genitori vogliono un futuro diverso. Con l’intervento al labbro e al palato il suo destino ha preso una nuova direzione, può continuare gli studi e diventare un insegnante.
Ora può sognare. Senza l’intervento chirurgico non avrebbe potuto farlo!



“Ogni bambino con una malformazione al volto è una nostra responsabilità. Se non ci prendiamo cura di lui, non c’è garanzia che qualcuno lo farà.”

- Kathy Magee, Co –Fondatrice e Presidente di Operation Smile