Siete qui: Home > STORIE > Storie di sorrisi: pazienti e genitori > Patient Story

 

Come se non avesse un nome… 

joseph_1.jpg

Le Filippine detengono un posto speciale per Operation Smile. È lì che i Fondatori, il dottor Bill Magee e sua moglie Kathy, si recarono per effettuare i primi interventi chirurgici gratuiti per i bambini nati con una malformazione al volto.

Era il lontano 1982: erano tantissimi i bambini ad aspettarli, ma il team di volontari medici non ebbe il tempo e le risorse necessarie per poter operarli tutti. Promisero, quindi, che sarebbero tornati: è allora che è nata Operation Smile.

Sono ancora molti i bambini che nascono con la labiopalatoschisi nel Paese e Joseph è tra questi. Joseph ha sei anni ed è il più piccolo della sua famiglia: è rimasto orfano di madre e abita insieme al papà ed ai suoi fratelli in un quartiere molto povero dell’isola di Cebu. Durante il giorno raccoglie materiali riciclabili e rottami di metallo che il padre Julito rivenderà, ricevendo al massimo 100 pesos ($ 2) al giorno. A causa della malformazione al volto con cui è nato non frequenta la scuola, perché è troppo doloroso per lui essere preso in giro dai suoi compagni. Lo chiamano "bungi”, una parola denigratoria per indicare il labbro leporino. Lo chiamano "bungi”, come se non avesse un suo nome.

Quando Julito, il papà di Joseph, viene a conoscenza di Operation Smile e della Missione Medica che si sta conducendo presso uno degli Ospedali di Cebu, nei suoi occhi compare la speranza di poter dare a suo figlio Joseph una nuova vita, un nuovo sorriso.

"Sono sorpreso di vedere quanti altri bambini soffrono della sua stessa condizione" dice Julito in ospedale, "e sono felice che Joseph non sia solo, ma ho anche paura che non venga messo in lista per l'intervento chirurgico, poiché ci sono tanti altri che, come lui, hanno bisogno di aiuto".

Ma Joseph viene presto visitato e risulta idoneo: è uno dei bambini che sarà operato!

Il giorno dopo l’intervento Joseph si è guardato a lungo nello specchio, era incredulo: il suo volto era così diverso!

Vedeva finalmente che la sua bocca era come quella di tutti gli altri bambini! 

È passato un anno e la vita di Joseph è cambiata tanto da quel giorno: ora va a scuola, non è più timido, ha una nuova grinta ed ama andare in giro!

joseph_2.jpg

“Ogni bambino con una malformazione al volto è una nostra responsabilità. Se non ci prendiamo cura di lui, non c’è garanzia che qualcuno lo farà.”

- Kathy Magee, Co –Fondatrice e Presidente di Operation Smile