Siete qui: Home > STORIE > Testimonianze volontari > Volunteer Information

 

La mia prima missione medica

Luca-Autelitano_per_Operationsmile.jpg

Malawi, Lilongwe,  2-11 agosto 2013
Luca Autelitano, chirurgo maxillo facciale

Luca è alla sua prima esperienza con Operation Smile ed è preoccupato per l’aspetto organizzativo della missione. Superate le prime esitazioni, però, si crea subito una forte sintonia con gli altri volontari e si mette in moto la straordinaria macchina di beneficenza.

“Attendevo il giorno della partenza per la missione con molta gioia ed ero desideroso di provare questa nuova esperienza.

Conosco molto bene Operation Smile perché lavoro nel centro multi specialistico della Smile House di Milano. Come chirurgo maxillo facciale mi occupo, insieme agli altri medici del centro, di curare i bambini nati con malformazioni facciali che si rivolgono a noi.

L’esperienza della missione medica però mi preoccupava perché si tratta di una situazione diversa. E’ una realtà complessa all’interno della quale ci si confronta con medici provenienti da diversi paesi del mondo, persone che non si conoscono e con le quali devi entrare subito in sintonia perché il tempo è poco e i pazienti in attesa di aiuto sono tanti. E’ necessario instaurare fin dall’arrivo nel centro un perfetto rapporto con il team, i bambini ci aspettano e noi dobbiamo fare in modo di sfruttare il poco tempo che abbiamo per aiutarli tutti. Questo è possibile solo se c’è perfetta sincronia e collaborazione tra tutti.

Effettivamente, come mi avevano testimoniato altri medici che avevano già partecipato alle missioni, entrare in sintonia con i membri del team sarebbe stato naturale, e così è avvenuto!

In missione si respirava un clima di coesione ed affiatamento tale che, dopo un solo giorno, eravamo uniti da un rapporto di amicizia, come se fossimo amici da lungo tempo.

Si poteva respirare quest’atmosfera grazie anche all’organizzazione, studiata nei minimi dettagli.

Tutti i volontari si sentivano a casa loro, come in mezzo ad amici di vecchia data, uniti dalla voglia di dare un contributo alla missione e partecipare a questa bellissima “macchina” di beneficenza.

Lo spirito di collaborazione tra i volontari è stato sicuramente l’ aspetto che più di tutti mi ha lasciato dei ricordi indelebili e donato delle sensazioni uniche.

Luca-Autelitano-2_per_Operationsmile.jpg

Ovviamente dare il proprio contributo a fare del bene e ad aiutare un numero così elevato di persone che hanno estremo bisogno di aiuto, dona emozioni che non hanno pari.  Vedere mamme con in braccio i propri figli affrontare dei viaggi lunghi e pieni di difficoltà nella speranza di trovare una nuova vita; vedere quale spirito li spinge a tutto ciò, fa capire che si possono fare cose nella vita che hanno un significato estremamente profondo e cambiano davvero l’esistenza.

Luca-Autelitano-visita-una-piccola-paziente_per_Operationsmile.jpg

Il motto “Changing lifes forever” non vale solo in riferimento ai pazienti che vengono operati, vale secondo me altrettanto per i volontari delle missioni: al ritorno da una missione ti senti un po’ diverso da prima, almeno questo è successo a me!

Grazie ad Operation Smile!”

Luca Autelitano

“Ogni bambino con una malformazione al volto è una nostra responsabilità. Se non ci prendiamo cura di lui, non c’è garanzia che qualcuno lo farà.”

- Kathy Magee, Co –Fondatrice e Presidente di Operation Smile